Diritto d’autore: la Corte di Giustizia Ue ‘avverte’ Siae e Franceschini

fransceschiniLa Corte di Giustizia dell’Unione Europea ha emesso oggi una sentenza destinata ad avere notevoli impatti anche in Italia nel mondo del diritto d’autore.

La Corte in breve ha stabilito che l’importo del prelievo dovuto per la realizzazione di copie private di un’opera protetta non può tener conto delle riproduzioni illegali.

Una provvedimento che, si pensa, inciderà in Italia anche sui costi degli smartphone, sui tablete, più in generale su tutti gli strumenti che i consumatori utilizzano nel mondo digitale.

La sentenza ha ad oggetto il pagamento della cosiddetta copia privata.

La copia privata è il compenso che si applica, tramite una royalty sui supporti vergini fonografici o audiovisivi in cambio della possibilità di effettuare registrazioni di opere protette dal diritto d’autore.

La legge affida alla Siae il compito di riscuotere il compenso per copia privata e di ripartirlo ai beneficiari indicati dalla legge stessa, eventualmente anche tramite le loro associazioni di categoria.

Per lo svolgimento di questo compito, la legge attribuisce alla Siae anche poteri di vigilanza su tutte le attività connesse con la fabbricazione, l’importazione e la distribuzione in territorio italiano di apparecchi di registrazione e di supporti vergini, nonché su tutte le attività di duplicazione edistribuzione di supporti pre-registrati.

In Italia un Decreto ministeriale del 2009, emanato dall’allora ministro Bondi, ha determinato l’entità di del compenso, ma da qualche mese a questa parte su impulso principale della Siae, la misura del compenso potrebbe aumentare a dismisura.

Si parla di aumenti anche del 500% a carico dei produttori di devices.

Il tema ha già dato luogo ad aspri dibattiti poiché l’aumento potrebbe poi determinare una forterincaro dei prezzi di smartphone e devices vari, generando ricadute negative sul potere d’acquisto dei consumatori.

Il fatto che non esista alcuna misura tecnologica applicabile per contrastare la realizzazione di copie private illegali non rimette in discussione tale constatazione.

Va detto innanzitutto che la Corte di Giustizia ha stabilito definitivamente che nella determinazione delle tariffe dell’equo compenso non è possibile tenere conto anche delle attività di copia c.d. “illegale” o comunque non realizzate a partire da una copia dell’opera legittimamente acquisita.

 

segue su Il Fatto quotidiano 

Fulvio Sarzana

www.fulviosarzana.it
Studio Legale Roma Sarzana & Associati
Share Button

Tags: , , , , ,

This entry was posted on giovedì, aprile 10th, 2014 at 11:42 and is filed under Blog. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. You can leave a response, or trackback from your own site.

avatar
 
Loading Facebook Comments ...

Leave Reply

*
= 4 + 5

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.