I rischi di un Datagate all’italiana

di Francesco Priano per il Secolo XIX

«C’è una macchina che spia tutto. Perchéloso? Beh, l’ho costruita io».

Finch, genio informatico e protagonista della serie tv di culto “Person 0f interest”, racconta così il trucco  che ha reso il mondo trasparente.

Intrufolandosi negli smartphone, braccando gli algoritmi di ricerca su Google, sbirciando dalle telecamere che monitorano il traffico, ha

cancellato ogni confine fra pubblico e privato. La macchina, ultima incarnazione del leviatano informatico, nella realtà degli Stati Uniti si chiama “Prism” e minaccia il fragile equilibrio fra invasione illecita

e ragion di Stato. Un’ossessione di controllo tutta americana verrebbe da dire, che però impone una domanda: e se in Italia fosse uguale?

qui il PDF integrale dell’articolo secolo ge 11

Fulvio Sarzana

www.fulviosarzana.it
Studio Legale Roma Sarzana & Associati
Share Button

Tags: , , , , , ,

This entry was posted on giovedì, giugno 13th, 2013 at 17:29 and is filed under Blog. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. You can leave a response, or trackback from your own site.

avatar
 
Loading Facebook Comments ...

Leave Reply

*
= 5 + 3

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.