Libertà di espressione: su Agcom e diritto d’autore, anche la Word Wide Web Foundation di Tim Berners Lee boccia l’Italia.

 

Tim Berners-Lee

 

Dopo Freedom House anche la Fondazione del creatore di Internet,Berners Lee, punta il dito contro la “censura” di Agcom.

La World Wide Web Foundation, la fondazione creata dall’inventore del Web, Tim Berners Lee, ha presentato il rapporto “Web Index 204-2015″ attraverso il quale si offre un quadro della Rete dal punto di vista dei fenomeni sociali, economici e politici.

Il rapporto prende in considerazione 86 paesi e sottolinea come nel 2014 il Web sia diventato meno libero e più iniquo.

Fabio Chiusi, un giornalista specializzato su questi temi ha analizzato il Rapporto e ha evidenziato come il testo si soffermi anche sull’Italia e sul ruolo dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni nel gestire il diritto d’autore su internet.

La notizia arriva a qualche giorno dalla presa di posizione di Freedom House, la ONG Statunitense che stila ogni anno un Rapporto sui diritti umani e civili, che ci equipara, grazie al sistema dell’Agcom, al Kazakistan di Nazarbaev, alla Turchia di Erdogan ed alla Giunta militare Thailandese.

Web Index, ci colloca, assieme all’Ecuador, nello stesso paragrafo dedicato ai casi nei quali si suggerisce possa essere negato il cd Fair use,ovvero l’uso non lucrativo di opere protette dal diritto d’autore che esclude la violazione, a quelli nei quali si svantaggiano imprese a scapito di altre, ovvero a quelli nei casi di soppressione del diritto di critica.

 

continua su Il Fatto quotidiano 

Fulvio Sarzana

www.fulviosarzana.it
Studio Legale Roma Sarzana & Associati
Share Button

Tags: , , , , , ,

This entry was posted on domenica, dicembre 14th, 2014 at 11:16 and is filed under Blog. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. You can leave a response, or trackback from your own site.

avatar
 
Loading Facebook Comments ...

Leave Reply

*
= 4 + 7

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.