Ma l’atto rimosso trova sempre un nuovo sito

di Alessandro Longo.

Contrastare un atto di diffamazione sul web è un po’ come tentare di uccidere un’idra dalle tante teste: una ne mozzi, tante altre ne nascono. «Ho clienti che sono diffamati su internet da dieci anni e sono ormai disperati: gli articoli che li riguardano continuano a essere riprodotti su vari siti, anche posti su server esteri», spiega Fulvio Sarzana, avvocato esperto di diritto su internet. Al solito, infatti, succede così: l’articolo o il blog sequestrato in via preventiva è ancora disponibile sui motori di ricerca (nella “cache”, accessibile da qualunque utente). Da qui altri utenti lo copiano (in parte o in tutto) e lo pubblicano su vari siti o addirittura lo mettono in formato di file su circuiti peer to peer. La notizia del sequestro fa da cassa di risonanza e spinge infatti alcuni a duplicare i contenuti dell’articolo.

segue su http://www.ilsole24ore.com/art/norme-e-tributi/2011-02-25/atto-rimosso-trova-sempre-064210.shtml?uuid=AaBwTIBD

Fulvio Sarzana

www.fulviosarzana.it
Studio Legale Roma Sarzana & Associati
Share Button

Tags: , , , , ,

This entry was posted on venerdì, febbraio 25th, 2011 at 07:50 and is filed under Blog. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. You can leave a response, or trackback from your own site.

avatar
 
Loading Facebook Comments ...

Leave Reply

*
= 5 + 9

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.