Tagged Posts ‘reati informatici’

Il cammino del disegno di legge sul cyberbullismo, luci e ombre: rischi di censura per il web?

Per il ciclo di incontri “i Mercoledì di Nexa” (ogni 2° mercoledì del mese)
89° Mercoledì di Nexa

Il cammino del disegno di legge sul cyberbullismo,

luci e ombre: rischi di censura per il web?

Mauro Alovisio (Avvocato), Elena Ferrara (Senatrice della Repubblica), Giovanni B. Gallus (Avvocato), Fulvio Sarzana (Avvocato), Monica A. Senor (Avvocato)

Mercoledì 14 settembre 2016 ore 18 in punto
(termine: ore 20)

Centro Nexa su Internet e Società
Politecnico di Torino, Via Boggio 65/a, Torino (1° piano)
Live streaming: http://nexa.polito.it/upcoming-events
URL dell’incontro: http://nexa.polito.it/mercoledi-89
Come raggiungerci: scarica la mappa in PDF (464 KB) o vai alla nostra pagina dei contatti.

Il fenomeno del bullismo/cyberbullismo sta per essere disciplinato in Italia dalle Camere con l’approvazione del disegno di legge D n. 1261 ad oggetto: “Disposizioni a tutela dei minori per la prevenzione e il contrasto del fenomeno del cyberbullismo” (prima firmataria la senatrice Elena Ferrara).

Il disegno di legge era finalizzato, in origine, alla prevenzione del bullismo/cyberbullismo e alla rieducazione dei minori. Alla Camera sono state apportate modifiche sostanziali con norme applicabili anche agli adulti e a chiunque abbia un sito, un blog o un profilo su un social network, con potenziali rischi di erosione della libertà di espressione.

Il disegno di legge in oggetto prevede una nuova definizione di bullismo/cyber bullismo e misure di sostegno alla rieducazione dei minori, ma introduce anche l’oscuramento, la rimozione dei contenuti offensivi e una nuova aggravante al reato di stalking telematico, con la previsione di pene fino a sei anni di carcere e la confisca del device.

L’89° Mercoledì di Nexa sarà un’occasione per discutere dei pregi e delle ombre del disegno di legge; gli impatti e le novità previste con la senatrice Elena Ferrara (in collegamento da Roma) e con i Fellow del Centro e numerosi esperti in ambito digitale.

Biografie:

Mauro AlovisioMauro Alovisio è Fellow del Centro Nexa e laureato in Giurisprudenza presso l’Università di Torino. Si è specializzato in diritto per la protezione dei dati personali e diritto delle nuove tecnologie. Attualmente lavora presso l’Ufficio Legale dell’Università degli Studi di Torino. Nel corso della sua attività professionale si è occupato di temi quali privacy e riorganizzazione della pubblica amministrazione attraverso l’uso delle nuove tecnologie. Mauro è Presidente del Centro Studi di Informatica Giuridica ed è un membro della Commissione Informatica del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Torino.

Elena FerraraElena Ferrara viene eletta la prima volta in Parlamento il 24 febbraio 2013. Nell’attuale Legislatura (XVII) siede in Senato nel gruppo del Partito Democratico. Partecipa ai lavori della Commissione Istruzione pubblica e beni culturali, della Commissione straordinaria per la tutela e la promozione dei diritti umani, nonché della Commissione bicamerale per l’infanzia e l’adolescenza. Nel corso della legislatura ha fatto inoltre parte della Commissione Agricoltura e produzione agroalimentare e della Commissione di inchiesta sul fenomeno delle intimidazioni nei confronti degli amministratori locali. Maggiori informazioni sono disponibili all’indirizzo:http://www.elenaferrara.it/index.php/biografia/.

Giovanni Battista GallusGiovanni Battista Gallus, avvocato, LL.M., PhD e Fellow del Centro Nexa, esercita in materia di diritto penale, diritto dell’informatica e della Rete, diritto d’autore e tutela della privacy. È presidente del Circolo dei Giuristi Telematici e Fellow del Centro Hermes per la Trasparenza e i diritti digitali. Collabora con le cattedre di Informatica Giuridica e Informatica Giuridica Avanzata dell’Università di Milano, ed è un appassionato utilizzatore e sostenitore del software libero. Autore di diverse pubblicazioni, è coautore di “Contenuti aperti, beni comuni” (McGraw-Hill, 2009) e “I nuovi reati informatici” (Giappichelli, 2009).

Fulvio SarzanaFulvio Sarzana si è laureato in Giurisprudenza all’Università degli Studi di Roma “La Sapienza” con lode. E’ autore di Monografie sui profili Organizzativi e Normativi del Governo degli Enti Locali. E’ autore di testi sulla sicurezza dei cittadini negli Enti Locali, attraverso l’uso delle nuove tecnologie. Ha partecipato alle Campagne sulla trasparenza degli Enti Locali e centrali attraverso l’accesso ai documenti delle Pubbliche Amministrazioni, promuovendo iniziative di sensibilizzazione sulla Trasparenza e sul conflitto di interessi. Cura blog di approfondimento giuridico su: Il fatto quotidiano; Il sole 24 ore e l’Huffington Post. E’ Titolare dello Studio Legale Sarzana e Associati con sedi a Roma e Milano www.lidis.it.

Monica A. SenorMonica A. Senor è partner dello Studio Legale Catalano Penalisti Associati dal 2001. Fellow del Centro Nexa, è avvocato penalista, specializzata in questioni legali in materia di protezione dei dati e diritto penale legato alle nuove tecnologie; dal punto di vista della procedura penale si è specializzata in informatica e biometria forense. E ‘membro della Commissione IT dell’Ordine degli Avvocati di Torino e lavora con il Tribunale di Torino in merito all’attuazione della digitalizzazione del procedimento penale. E’ coordinatrice scientifica e docente di un corso di formazione privata per la preparazione alla prova scritta dell’esame da avvocato. Collabora con riviste online quali Medialaws e Penale.it e i suoi lavori sono stati pubblicati anche da Giappichelli, EGEA, Springer e UTET Giuridica.

Fulvio Sarzana

www.fulviosarzana.it
Studio Legale Roma Sarzana & Associati
Share Button

Published by on settembre 5th, 2016 Commenti disabilitati su Il cammino del disegno di legge sul cyberbullismo, luci e ombre: rischi di censura per il web?

Diritti fondamentali dei Cittadini e Sicurezza. Università di Napoli Federico II, 9 Maggio 2016.

logookfedericoII

Fulvio Sarzana

www.fulviosarzana.it
Studio Legale Roma Sarzana & Associati
Share Button

Published by on maggio 1st, 2016 Commenti disabilitati su Diritti fondamentali dei Cittadini e Sicurezza. Università di Napoli Federico II, 9 Maggio 2016.

Corte Europea diritti dell’Uomo. Libertà d’espressione e commenti sul web

 

17141667_copyright-vs-freedom-of-expression-universit-bocconi-milano-24-novembre-2011-1

I TRIBUNALI sbagliano a condannare i gestori di siti per i commenti anonimi degli utenti: stanno violando un diritto fondamentale dell’umanità, la libertà d’espressione. L’ha stabilito la Corte europea dei diritti dell’Uomo con una sentenza di questa settimana, in merito al caso di un sito ungherese. L’azienda, dopo aver perso nei diversi gradi di giudizio in una causa per diffamazione.

 

segue su Repubblica.it

Fulvio Sarzana

www.fulviosarzana.it
Studio Legale Roma Sarzana & Associati
Share Button

Published by on febbraio 5th, 2016 Commenti disabilitati su Corte Europea diritti dell’Uomo. Libertà d’espressione e commenti sul web

Playstation, crittografia o social network? Come comunica il Califfato nero? Domenica 29 novembre , in diretta alle 19 e 30

 

 

Image-1

Dagli annunci su misure di sorveglianza sempre più pervasive alle possibili sospensioni di diritti fondamentali, passando per un’analisi sulle reali modalità di comunicazione utilizzate dal terrore, fino agli scenari di cyberwar: ne parliamo domani 29 novembre, alle 19 e 30  su Radio Radicale con Massimo Artini, Deputato di Alternativa Libera, il giornalista Arturo Di Corinto e Angelo Tofalo, Deputato del ‪#‎M5S‬ e membro del ‪#‎Copasir‬

 

 

 

 

Fulvio Sarzana

www.fulviosarzana.it
Studio Legale Roma Sarzana & Associati
Share Button

Published by on novembre 28th, 2015 Commenti disabilitati su Playstation, crittografia o social network? Come comunica il Califfato nero? Domenica 29 novembre , in diretta alle 19 e 30

I poteri di AGCOM sul diritto d’autore ed il contrasto con i poteri del Giudice.

Presi per il Web 4 ottobre 20152

 

L’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni (AGCOM)  ha i poteri di emettere provvedimenti inibitori in tema di diritti d’autore?

Esistono in breve poteri di disabilitazione amministrativa su Internet, previsti positivamente previsti dal nostro ordinamento?

E i poteri che si è attribuita l’AGCOM sono coerenti con altre disposizioni presenti con il nostro ordinamento e con i principi di ragionevolezza e di discrezionalità che il Legislatore deve sempre tenere presente nell’esercizio della potestà legislativa?

Per rispondere a queste domande, dobbiamo analizzare brevemente le norme che disciplinano le attività inibitorie delle Autorità Amministrative su internet.

Poiché l’AGCOM si richiama espressamente, sin dal titolo del suo Regolamento in materia di diritto d’autore, al Decreto legislativo 70 del 2003, è in questa norma che vanno cercate le norme che consentirebbero all’Autorità di disporre inibitorie amministrative a protezione del diritto d’autore.

Si noti fin d’ora che il  Decreto legislativo 70 del 2003,   coerentemente con la scelta di non introdurre alcun nuovo potere inibitorio – non predispone alcuna sanzione amministrativa per la mancata ottemperanza all’ordine di porre fine alle violazioni (a differenza che per altre violazioni dal medesimo decreto legislativo disciplinate).

Anzi, l’art. 17 del  Decreto, significativamente rubricato « Assenza dell’obbligo generale di sorveglianza», prevede, in coerenza con il  principio di c.d. net neutrality che «Nella prestazione dei servizi di cui agli articoli 14, 15 e 16, il prestatore non è assoggettato ad un obbligo generale di sorveglianza sulle informazioni che trasmette o memorizza, né ad un obbligo generale di ricercare attivamente fatti o circostanze che indichino la presenza di attività illecite», stabilendosi solo, a livello sanzionatorio, che «Il prestatore è civilmente responsabile del contenuto di tali servizi nel caso in cui, richiesto dall’autorità giudiziaria o amministrativa avente funzioni di vigilanza, non ha agito prontamente per impedire l’accesso a detto contenuto, ovvero se, avendo avuto conoscenza del carattere illecito o pregiudizievole per un terzo del contenuto di un servizio al quale assicura l’accesso, non ha provveduto ad informarne l’autorità competente».

Evidente è dunque l’idea (peraltro del tutto coerente con la direttiva) di una sanzione di carattere meramente eventuale e civilistico, quale – in via esclusiva – ipotizzabile nel caso di mancata rimozione di contenuti illeciti nonostante espressa richiesta da parte di autorità pubbliche[1].

Sul tema, in generale, Piruccio,   Diritto d’autore e responsabilità del “provider”, in  Giur. merito,  2012, 2592 ss.spec. 2597 ss, il quale esattamente rileva altresì la mancanza di ogni potestà amministrativa sanzionatoria a presidio dei pretesi poteri inibitori dell’Autorità amministrativa.: « la responsabilità del provider, persino in caso di mancata ottemperanza ai provvedimenti delle Autorità che dispongano la rimozione dei contenuti illeciti (oltre che nei casi di omessa comunicazione), è limitata al campo del diritto civile, non essendo prevista dall’art. 21 d.lg. n. 70 del 2003 (dedicato alle sanzioni) alcuna misura sanzionatoria di natura amministrativa (ovvero pecuniaria), che sarebbe stata invece necessaria per garantire efficacia vincolante ai citati provvedimenti.».

continua su Nova-Il sole 24 ore

Fulvio Sarzana

www.fulviosarzana.it
Studio Legale Roma Sarzana & Associati
Share Button

Published by on ottobre 12th, 2015 Commenti disabilitati su I poteri di AGCOM sul diritto d’autore ed il contrasto con i poteri del Giudice.

Captatori informatici, intercettazioni, controllo remoto dei pc. Le norme e la prassi.

 

ioff

Si parlerà di captatori informatici, di intercettazioni e di strumenti di controllo a distanza dei PC, con una overview

delle norme attualmente esistenti e dei casi più eclatanti, a partire dal noto Hacking Team.

 

A Pisa, sabato 10 ottobre, alle 16 e 30, insieme a @carolafrediani

 

qui il Programma

Fulvio Sarzana

www.fulviosarzana.it
Studio Legale Roma Sarzana & Associati
Share Button

Published by on settembre 27th, 2015 Commenti disabilitati su Captatori informatici, intercettazioni, controllo remoto dei pc. Le norme e la prassi.

Calcio sul web. Nuovo sequestro ( e ordine di inibizione) per ROJADIRECTA.

rojadirecta

Nuovi sequestri per il calcio on line.

Il Sostituto Procuratore della Repubblica di Milano Dott.ssa Tiziana Siciliano ha disposto il 30 luglio scorso il sequestro preventivo e l’inibizione all’accesso del noto portale di streaming sportivo per violazione della legge sul diritto d’autore.

Il provvedimento, notificato a tutti i provider Italiani dal compartimento della polizia postale e delle comunicazioni della Lombardia,  il 17 agosto scorso, è immediatamente esecutivo e riguarda le estensioni Rojadirecta.me. It.Roiadirecta e Rojadirecta. org.

 

 

Fulvio Sarzana

www.fulviosarzana.it
Studio Legale Roma Sarzana & Associati
Share Button

Published by on settembre 23rd, 2015 Commenti disabilitati su Calcio sul web. Nuovo sequestro ( e ordine di inibizione) per ROJADIRECTA.