Tagged Posts ‘sequestro preventivo’

Playstation, crittografia o social network? Come comunica il Califfato nero? Domenica 29 novembre , in diretta alle 19 e 30

 

 

Image-1

Dagli annunci su misure di sorveglianza sempre più pervasive alle possibili sospensioni di diritti fondamentali, passando per un’analisi sulle reali modalità di comunicazione utilizzate dal terrore, fino agli scenari di cyberwar: ne parliamo domani 29 novembre, alle 19 e 30  su Radio Radicale con Massimo Artini, Deputato di Alternativa Libera, il giornalista Arturo Di Corinto e Angelo Tofalo, Deputato del ‪#‎M5S‬ e membro del ‪#‎Copasir‬

 

 

 

 

Fulvio Sarzana

www.fulviosarzana.it
Studio Legale Roma Sarzana & Associati
Share Button

Published by on novembre 28th, 2015 Commenti disabilitati su Playstation, crittografia o social network? Come comunica il Califfato nero? Domenica 29 novembre , in diretta alle 19 e 30

Calcio sul web. Nuovo sequestro ( e ordine di inibizione) per ROJADIRECTA.

rojadirecta

Nuovi sequestri per il calcio on line.

Il Sostituto Procuratore della Repubblica di Milano Dott.ssa Tiziana Siciliano ha disposto il 30 luglio scorso il sequestro preventivo e l’inibizione all’accesso del noto portale di streaming sportivo per violazione della legge sul diritto d’autore.

Il provvedimento, notificato a tutti i provider Italiani dal compartimento della polizia postale e delle comunicazioni della Lombardia,  il 17 agosto scorso, è immediatamente esecutivo e riguarda le estensioni Rojadirecta.me. It.Roiadirecta e Rojadirecta. org.

 

 

Fulvio Sarzana

www.fulviosarzana.it
Studio Legale Roma Sarzana & Associati
Share Button

Published by on settembre 23rd, 2015 Commenti disabilitati su Calcio sul web. Nuovo sequestro ( e ordine di inibizione) per ROJADIRECTA.

Pirateria online: oscurati 124 siti dalla GDF. A cosa serve il regolamento Agcom?

gdf

Maxi operazione antipirateria della Guardia di finanza della Capitale. 124 siti internet esteri soggetti a sequestro preventivo per violazione della legge sul diritto d’autore: da stopstream.com afreelivesport.eu, da megatvhd.eu a streamhunter a score hunter darealstreamunited.com, da drakulastream a beestream,  a poingpoing, a footy7.com,  astreaming.org.

L’ordine della magistratura, sollecitato dal Nucleo Radio Diffusione della Guardia di Finanza è stato inviato ai provider venerdì scorso e contiene, accanto alle classiche fattispecie di immissione in rete di files protetti dal diritto d’autore per scopi lucrativi e no, anche la contestazione dell’aggravante del danno di particolare gravità per tutti e 124 i siti.

Si tratta della più grande operazione contro la pirateria audiovisiva e televisiva effettuata dalle forze dell’ordine in Italia. Il numero di siti sottoposto a ordine di inibizione  “polverizza” ilprecedente record di 46 siti spettante sempre alla Guardia di Finanza nel marzo dello scorso anno.

 

segue su Il Fatto quotidiano

Fulvio Sarzana

www.fulviosarzana.it
Studio Legale Roma Sarzana & Associati
Share Button

Published by on gennaio 25th, 2015 Commenti disabilitati su Pirateria online: oscurati 124 siti dalla GDF. A cosa serve il regolamento Agcom?

Streaming on line. Annullato il sequestro del popolare sito di condivisione filmsenzalimiti.it. Il Riesame di Viterbo: tutto da rifare.

untitledFilm Senza Limiti, sequestro annullato

Il Tribunale del Riesame annulla il provvedimento precedente. E si scopre che uno degli accusati ha appena 15 anni. Punto Informatico ne parla con Fulvio Sarzana, avvocato difensore dei gestori

 Roma – Il Tribunale del Riesame di Viterbo ha ordinato l’annullamento dell’ordine di sequestro del dominio filmsenzalimiti.it, così come quello delle apparecchiature informatiche appartenenti ai presunti gestori della nota piattaforma di indexing per la visione in streaming gratuito dei maggiori film in circolazione. Ad annunciarlo a Punto Informatico è l’avvocato di Roma Fulvio Sarzana, attuale difensore dei due giovanissimi responsabili del sito di linking.
In assenza dei presupposti legali per procedere al sequestro del dominio filmsenzalimiti.it, il Tribunale del Riesame di Viterbo ha dunque deciso di restituire sito e computer ai due proprietari, tra cui un ragazzo di appena quindici anni. Eseguendo un’ingiunzione ordinata dal Tribunale di Viterbo, la Guardia di Finanza di Arezzo aveva sequestrato il dominio della piattaforma per violazione dell’art. 171-ter della legge 633/1941 sulla protezione del diritto d’autore e di altri diritti connessi al suo esercizio.
“Il sito era accusato di mettere a disposizione a scopo di lucro opere protette dal diritto d’autore – ha ricordato Sarzana – Il procedimento proveniva in realtà dalla Procura della Repubblica di Busto Arsizio, che aveva poi trasmesso gli atti al Tribunale di Viterbo, luogo di residenza dei due gestori. Il Tribunale del Riesame ha pronunciato oggi il dispositivo di annullamento delle misure cautelari”.
continua su Punto Informatico
Fulvio Sarzana

www.fulviosarzana.it
Studio Legale Roma Sarzana & Associati
Share Button

Published by on marzo 15th, 2013 Commenti disabilitati su Streaming on line. Annullato il sequestro del popolare sito di condivisione filmsenzalimiti.it. Il Riesame di Viterbo: tutto da rifare.

MONDADORI-AVAXHOME:IL GIP DI MILANO FERRARO CONVALIDA IL SEQUESTRO PER RICETTAZIONE

IL Gip di Milano Alfonsa Maria Ferrara ha disposto la convalida del sequestro preventivo del portale Avaxhome.ws, disposto in via d’urgenza dal Pubblico Ministero Ferdinando Esposito, della locale procura, per entrambi i reati contestati, la violazione del diritto d’autore e la ricettazione.

Il provvedimento è stato notificato oggi 29 novembre 2012 a tutti i provider italiani dagli ufficiali di polizia giudiziaria incaricati di eseguire la misura.

In allegato la convalida del sequestro preventivo avaxhome

Fulvio Sarzana

www.fulviosarzana.it
Studio Legale Roma Sarzana & Associati
Share Button

Published by on novembre 29th, 2012 Commenti disabilitati su MONDADORI-AVAXHOME:IL GIP DI MILANO FERRARO CONVALIDA IL SEQUESTRO PER RICETTAZIONE

Nuovi sequestri sulla rete in Italia. E’la volta del portale di film più visto dagli Italiani, “italia-film.com” e del portale locandinehits.com

Foto a pagina intera 

 Riparte la stagione dei sequestri sul web.

Dopo la pausa estiva riprendono i sequestri preventivi di blog e  siti web accusati di compiere condotte vietate dal codice penale.

A cadere sotto la scure del Giudice delle indagini preliminari di Milano,  Enrico Manzi,  sono questa volta i maggiori  portali di condivisione di film e opere televisive italiani, nella fattispecie i siti  www. film-italia.com e locandinehits.com.

Dalle indagini compiute dal nucleo di polizia postale di Milano è emerso che il primo dei  portali citati nel provvedimento di sequestro  riceveva sino a 135 mila visite al giorno e un numero “stratosferico” di visualizzazioni, per la precisione 1.525.629.593.

Una semplice visualizzazione sul web  consente di verificare che il sito www.italia-film.com si collocava più o meno ( sino ad oggi) tra i cento siti più consultati in Italia ( precisamente il numero 113).

Numeri impressionanti dunque, che farebbero la felicità di qualsiasi agenzia pubblicitaria sul web.

I portali sono accusati del “reato previsto e punito dagli articoli 110 cp e 171 ter, comma 2, lettera bis, legge 22 aprile 1941, n 633, perché, in violazione dell’art 16, ed a fini di lucro, comunicavano al pubblico opere dell’ingegno protette dal diritto d’autore, ed in particolare file contenenti opere cinematografiche, secondo il dettagliato elenco dinamico, in costante aggiornamento, pubblicato sul sito medesimo, distinto per tipologie di file, e reperibile a partire dai seguenti indirizzi www.italia-film.com e italia-film.com, immettendo le opere stesse, mediante catalogazione ed indicizzazione, sulla rete internet.”

Detto in soldoni i portali sono accusati di aver permesso lo streaming di film su internet.

Gli indirizzi web  sono stati sottoposti a sequestro preventivo dal GIP con l’obbligo da parte di tutti i provider italiani di inibire l’accesso ai cittadini italiani a quei portali.

C’è però una novità nel sequestro disposto dal GiP di Milano.

Il GIP ha infatti disposto il sequestro dei conti correnti a cui si è arrivati a quanto sembra dal provvedimento di sequestro, individuando i proventi pubblicitari presenti sul web ( non quantificati peraltro nel provvedimento), dei presunti responsabili della violazione della legge sul diritto d’autore,

 Il nucleo di polizia tributaria di Milano ha inviato il 20 settembre a tutti i provider italiani il  provvedimento di sequestro, ordinandone l’esecuzione.

 La misura cautelare adottata dal GIP di Milano segna dunque un cambio di passo nella repressione dei presunti illeciti sul web.

 Le indagini vengono sempre  più incentrate sulla ricerca delle tracce economiche del compimento del reato, anche quando tali tracce non si riferiscano direttamente alla violazione del diritto d’autore, ma alle attività pubblicitarie ( spesso di modesta entità) svolte dai portali stessi.

Fulvio Sarzana

www.fulviosarzana.it
Studio Legale Roma Sarzana & Associati
Share Button

Published by on settembre 25th, 2012 Commenti disabilitati su Nuovi sequestri sulla rete in Italia. E’la volta del portale di film più visto dagli Italiani, “italia-film.com” e del portale locandinehits.com

Operazione macchia nera della Guardia di finanza: L’Italia dichiara guerra al File Sharing.

dduniversebrescia

L’hanno denominata “Macchia nera“. 

Non si tratta, però, dell’operazione del 2009 della procura di Bolzano che ha portato all’arresto di soggetti che si scambiavano su internet materiale neonazista e divulgavano concetti e idee fondate sulla discriminazione razziale, né della operazione sui falsi invalidi Inps, per la quale è diventato giustamente famoso il Colonnello delle Fiamme gialle Umberto Rapetto, direttore del nucleo frodi telematiche della Guardia di Finanza, e silurato, tra diverse polemiche, qualche giorno fa.

L’operazione “Macchia nera” di questi giorni è invece l’ultimo atto della guerra al filesharing di materiale protetto dal diritto d’autore, dichiarato dalle autorità italiane. La guardia di finanza di Brescia, infatti, su ordine del gip presso il medesimo tribunale e su richiesta del pubblico ministero Gian Maria Pietrogrande della locale procura  ha richiesto ai provider italiani l’oscuramento  preventivo dei portali dduniverse.net e www.dduniverse.net, l’inibizione all’accesso degli utenti italiani. I portali inibiti ai cittadini italiani sarebbero, secondo il provvedimento firmato dal gip di Brescia, dei meri indicizzatori di file torrent.

continua su Il fatto quotidiano

Fulvio Sarzana

www.fulviosarzana.it
Studio Legale Roma Sarzana & Associati
Share Button

Published by on giugno 4th, 2012 Commenti disabilitati su Operazione macchia nera della Guardia di finanza: L’Italia dichiara guerra al File Sharing.