Italianshare impugna di fronte al Tribunale della Libertà di Salerno i decreti di sequestro preventivo

Questa mattina, attraverso l’efficiente servizio di impugnazioni fuori sede del Tribunale di Roma ( quando vogliono le nostre Pubbliche Amministrazioni sanno essere molto efficienti)  ho depositato l’istanza di riesame dei decreti di sequestro preventivo dei siti web, www.italianstylewebsite; www.freeplayclub.org;.italiannetwork.net;. www.italiansexy.net;. www.italianmusic.org; uwp.italiannetwork.net;  www.italianshare.net;. musicshare.italiannetwork.netfilmshare.italiannetwork.net; disposti dal Giudice delle indagini preliminari di Vallo della Lucania.

 

Come è noto si tratta di indagini penali per violazione della legge sul diritto d’autore. 

Ho deciso di assistere il principale indagato, l’oramai noto Tex Willer  http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/tecnologia/2011/10/20/visualizza_new.html_669738829.html ( pseudonimo di una persona in carne ed ossa ovviamente) per le evidenti anomalie dei sequestri ( più di uno a quanto pare) e per i forti impatti sulla libertà di espressione in rete  che i sequestri in parola  sembrano  determinare. 

Le mie impressioni sono state raccolte da Mauro Vecchio, giornalista della testata Punto Informatico che, da subito ha seguito in modo approfondito l’evolversi della situzione. 

La versione integrale dell’intervista sarà a  breve disponibile nel sito web della testata http://punto-informatico.it/,  nel frattempo ne anticipo alcuni brevi estratti: 

“Ad intervenire sulle pagine online di Punto Informatico è ora Fulvio Sarzana, avvocato esperto in diritto dell’informatica e delle telecomunicazioni. Sarzana ha ora deciso di assumere la difesa di Tex Willer, sebbene Italianshare sia più volte stato descritto come un vero e proprio “supermercato della pirateria”. 

“Ho analizzato attentamente le dichiarazioni pubblicate in questi giorni e mi sono fatto un’idea (ovviamente sommaria allo stato degli atti) dei documenti relativi alla causa – ha esordito Sarzana – Da queste prime informazioni mi sembra evidente un’anomalia nelle procedure di sequestro preventivo che spero possa essere corretta dal Tribunale del riesame di Salerno”. 

Stando alla difesa, le stesse misure nel caso Italianshare potrebbero portare all’affermazione di principi incompatibili con la libera circolazione delle informazioni sul web, oltre che con la libera manifestazione del pensiero nei forum online. 

“Il principio da cui è necessario partire è che qualsiasi illegalità vada repressa e non incoraggiata – ha continuato Sarzana – quando naturalmente si sia certi, senza pregiudizi e idee preconcette sulla libera navigabilità associata ai servizi P2P, che sia stata compiuta un’attività illecita. E quando gli strumenti usati per reprimere in via preventiva non siano in grado di danneggiare anche valori costituzionali o diritti di terzi”. 

Lo stesso Sarzana ha sottolineato come il successivo coinvolgimento di portali non associati al circuito di Italianshare vada a testimoniare parzialmente questa anomalia procedurale. Il legale ha poi elencato “tre punti nodali” emersi ad una prima analisi sommaria degli atti e delle dichiarazioni nel caso Italianshare. 

Il primo: “la responsabilità per il linking esterno di un mero indicizzatore di risultati, quando tale attività riguardi file protetti o meno dal diritto d’autore”. Il secondo: “la possibilità che vengano oscurati forum sulla Rete contenenti anche commenti e link assolutamente leciti”. Infine, “l’inibizione di determinati siti a livello IP e DNS, attuata attraverso provider italiani in presenza di siti presenti in Italia”. Il riferimento è infatti a due domini elencati nel comunicato delle Fiamme Gialle di Agropoli. 

La difesa ha poi sottolineato come gli ordini di inibizione vengano spesso attuati senza verificare l’effettiva attinenza con i reati contestati. Attività che “dovrebbe essere collocata ai margini estremi del nostro ordinamento, per i rischi di errori insiti in procedure tecnicamente lontane dall’essere considerate di precisione chirurgica”. 

Si ricorda il caso Moncler e di come i provider siano riusciti a registrare una significativa vittoria contro l’ordine di inibizione emesso dal Tribunale di Padova nei confronti di quasi 500 siti in – non sempre evidente – violazione del trademark. 

“Se si accetta che si possa concedere lo strumento del sequestro preventivo senza uno scrupoloso controllo delle modalità alternative di repressione delle condotte illecite, allora questo stesso strumento potrebbe valere anche in casi di diffamazione attuata attraverso organi di informazione o semplici blog. Con un impatto molto forte sulla libertà di informazione su Internet”. 

Sarzana ha così concluso il suo intervento: “E’ su questi punti, non soltanto relativi al singolo caso concreto, ma fondamentali in generale per il successivo libero sviluppo di Internet, che sarà chiamato molto probabilmente a pronunciarsi il Tribunale della Libertà di Salerno, al quale ho inviato oggi l’impugnazione dei decreti di sequestro dei siti emesso dal GIP del Tribunale di Vallo della Lucania”.” 

 

 

Fulvio Sarzana

www.fulviosarzana.it
Studio Legale Roma Sarzana & Associati
Share Button

This post is also available in: Inglese

Tags: , , ,

This entry was posted on giovedì, novembre 17th, 2011 at 16:48 and is filed under Blog. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. You can leave a response, or trackback from your own site.

avatar
 
Loading Facebook Comments ...

Leave Reply

*
= 4 + 4

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.