Il Governo degli Enti Locali attraverso le nuove tecnologie, Trasparenza ed efficienza.

e-gov

Fulvio Sarzana

www.fulviosarzana.it
Studio Legale Roma Sarzana & Associati
Share Button

Written by - febbraio 7th, 2016 Commenti disabilitati

Corte Europea diritti dell’Uomo. Libertà d’espressione e commenti sul web

 

17141667_copyright-vs-freedom-of-expression-universit-bocconi-milano-24-novembre-2011-1

I TRIBUNALI sbagliano a condannare i gestori di siti per i commenti anonimi degli utenti: stanno violando un diritto fondamentale dell’umanità, la libertà d’espressione. L’ha stabilito la Corte europea dei diritti dell’Uomo con una sentenza di questa settimana, in merito al caso di un sito ungherese. L’azienda, dopo aver perso nei diversi gradi di giudizio in una causa per diffamazione.

 

segue su Repubblica.it

Fulvio Sarzana

www.fulviosarzana.it
Studio Legale Roma Sarzana & Associati
Share Button

Written by - febbraio 5th, 2016 Commenti disabilitati

Can AGCOM deal with copyright? Master of Laws (LL.M.) in Intellectual Property by WIPO and the Turin University.

 

coipyright eu agcom

Abstracts on ” Power of Italian Communications Authority (Agcom)  to rule copyright online”,

By Giuseppe Zucconi Galli de Fonseca.

Master of Laws (LL.M.) in Intellectual Property by WIPO and the Turin University.

 

Can AGCOM Deal With Copyright?

 

The biggest concern of the regulation regards whether an administrative authority like AGCOM is actually vested with the power to issue a regulation in this field and, in general, to enforce copyright.

Most scholars and commentators maintain that neither Italian law nor EU law have ever granted AGCOM such powers.

 

That makes the Italian solution much more dubious than the French one: HADOPI is exercising its functions on the basis of a precise national law (i.e., the Hadopi Law, although that law, before its revision, was considered partially contrary to the French Constitution), while AGCOM’s activities, according to the majority of scholars, have no legal basis at all.

 

Based on the present legal system, every such regulation in the field of copyright has to be issued by the Parliament and every order for the enforcement of copyright is reserved to courts, leaving no space for administrative authorities.

 

Indeed, the regulation was recently challenged before Italian administrative authorities, and that may lead to the annulment of it, or at least to the suspension of its efficacy.

Caching providers, originally included in the first draft of the Regulation, are no longer listed therein. Linking providers are also excluded.

Interestingly, a first attempt of issuing a regulation was made by AGCOM starting from 2010, but the strong debate at that time around the issue of AGCOM’s lack of power led to the failure of that first version.

 

Nothing has actually changed in this respect, and the present regulation is still subject to the same doubts.

 

However, the outgoing chairman simply avoided polemics by approving the scheme just a few days before the new chairman was installed.

AGCOM, on its side, maintains that all necessary powers are granted to it by the ECommerce Directive and the national implementation thereof (Italian Legislative Decree No. 70/03), as well as other pieces of Italian legislation.

Although AGCOM is supported by important institutions and some eminent academics, 97 the critical opinion of AGCOM is clearly the prevailing one among jurists and independent stakeholders in general.

Last but not least, the “United Nation Special Rapporteur on the promotion and protection of the right to freedom of opinion and expression,” Frank La Rue, recently raised concern about the compatibility of AGCOM regulation with fundamental rights. 99 The disputed issue of the legitimacy of AGCOM to handle copyright and to issue regulations in this respect comes before any other evaluation of the merit of the regulation itself. Even before assessing the compatibility of this new piece of (secondary level) legislation with the criteria set forth by EU law and ECJ case law for balancing fundamental rights, it is the very existence of the regulation that causes serious concerns.

 

 Objections To Merit.

Aside from the macroscopic lack of legislative authority already examined in paragraph 3.2 above (which would alone be sufficient to deem the whole regulation inconsistent with Italian and European law), the regulation shows some provisions which are clearly not in line with the most recent ECJ precedents.

First of all, the right of defense seems not to be properly guaranteed.

By providing the administrative review of defensive briefs described in Article 8, AGCOM is de facto depriving users of judicial review.

Although the administrative procedure can be immediately interrupted if one of the parties involved initiates proceedings before the judicial authority (Art. 7 paragraph 7), alleged infringers will likely find it faster and more appropriate to make use of the right to file a defensive brief with AGCOM rather than starting a new action before a court.

Consequently, the majority of cases will be decided through AGCOM’s administrative procedure.

 

The European Commission, in its recently published comments on the first draft of the regulation,  showed its concerns with specific reference to the right of defense, which in its opinion may be impaired by the tight timeframe of the administrative proceedings, especially in case the terms are shortened

In this respect, ACGOM doesn’t seem to have followed the directions of EU institutions that there must be a balance between opposing fundamental rights.

Furthermore, according to Article 17, the AGCOM collegial body’s decisions may be appealed before Italian administrative courts. To AGCOM’s supporters, this provision represents the guarantee of judicial review on all orders issued by the Administrative authority

. However, in the Italian legal system, administrative courts can only decide the legitimacy of an order, and are not entitled to assess private right matters like copyright ownership and relevant infringements.

 Besides the right of defense, the regulation endangers freedom of expression.

 

The AGCOM regulation will likely bring about the removal or disablement of legitimate content.

First of all, the regulation has no provisions to prevent claimants indicated in Article 6 from filing unfounded or even intentionally misleading claims. AGCOM could have easily found an example of a mechanism avoiding such abuses in the DMCA, which provides for liability for misrepresenting the existence of an infringement.

Unfortunately AGCOM has no similar provisions. As a consequence of this total lack of deterrent against abusive notices, a subject receiving an AGCOM notice of an unfounded claim may prefer to simply remove the relevant content rather than mountain a defense.

The main danger for freedom of information is the possibility of an order to “disable access to the website” (Article 8 paragraph 4).

The availability of such website blocking simply depends on whether the website hosting infringing content is located outside of the Italian territory, and is not based on more substantial reasons, like, for instance, the fact that the website at stake is completely dedicated to copyright infringement. With this provision,, the blocking of legitimate content alongside infringing content is unavoidable.

Simply put, AGCOM’s solution seems not to have taken into consideration the above analyzed guidelines provided in the Telekable case about tout court blocking orders.

 

http://papers.ssrn.com/sol3/papers.cfm?abstract_id=2714269

 

 

Fulvio Sarzana

www.fulviosarzana.it
Studio Legale Roma Sarzana & Associati
Share Button

Written by - gennaio 17th, 2016 Commenti disabilitati

GIOCHI e SCOMMESSE ON LINE. Il punto sulla normativa.

 

pokeronline

Domenica 17 gennaio si parlerà  a Radio Radicale del Regime Giuridico del gioco e delle scommesse con Umberto Rapetto, generale a.r. della Guardia di Finanza, Enrico Massimo Baroni, Parlamentare del Movimento 5 stelle, Paolo Beni, già Presidente nazionale ARCI e Deputato del Partito Democratico e Gianluca Pomante, Giurista ed esperto di giochi on line.

 

Fulvio Sarzana

www.fulviosarzana.it
Studio Legale Roma Sarzana & Associati
Share Button

Written by - gennaio 14th, 2016 Commenti disabilitati

Liste di Ebrei: il GIP di Roma sequestra i siti RadioIslam.org e Abbc.net e contesta la propaganda razziale.

leggi_razziali

Il giudice delle indagini preliminari di Roma Vilma Passamonti, su richiesta della locale Procura,  ha disposto il 31 dicembre scorso l’ordine di sequestro preventivo del sito web www.radioislam.org e della versione italiana del sito www.abbc.net, per propaganda all’odio razziale. La misura è stata eseguita dalla polizia postale il 5 gennaio.

Nella lista compaiono i nomi di “ebrei influenti” in Italia, di imprenditori, intellettuali, giornalisti e anche una serie di documenti riguardanti il “potere ebraico in Italia”.

I siti sono stati sequestrati nella loro interezza, pur comparendo nell’imputazione provvisoria, e nel corpo del provvedimento, solo il link relativo alla lista citata. I siti peraltro, che si richiamano in più punti alla libertà d’espressione, ospitano anche le versioni in diverse lingue dei protocolli degli anziani di Sion e del Mein Kampf di Hitler.

Fulvio Sarzana

www.fulviosarzana.it
Studio Legale Roma Sarzana & Associati
Share Button

Written by - gennaio 5th, 2016 Commenti disabilitati

Privacy, tutela dei minori e cyberbullismo. Audizione Commissioni Giustizia e Affari sociali della Camera, 14 dicembre 2015

 

La Camera dei Deputati sta discutendo delle proposte di legge sul cyberbullismo.

Il 14 dicembre le Commissioni riunite Giustizia ed affari sociali hanno svolto audizioni con Magistrati, Associazioni, Esperti, al fine di trarre elementi conoscitivi

utili alla decisione finale.

Qui è disponibile un contributo video di qualche minuto sulle audizioni.

 

Fulvio Sarzana

www.fulviosarzana.it
Studio Legale Roma Sarzana & Associati
Share Button

Written by - dicembre 15th, 2015 Commenti disabilitati

AIIP, Altroconsumo, ASSOPROVIDER, REA televisioni associate, Movimento difesa del cittadino, ASSINTEL. “Stop al Regolamento AGCOM”.

 

agcom

Le Associazioni AIIP, Altroconsumo, ASSOPROVIDER-confcommercio, REA televisioni associate, Movimento difesa del cittadino, ASSINTEL-confcommercio,  hanno inviato oggi 9 dicembre una lettera al Presidente dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, Angelo Marcello Cardani, nella quale richiedono lo stop dell’applicazione del Regolamento sul diritto d’autore.

La richiesta è motivata dalla recente sentenza della Corte Costituzionale, e dai passaggi della sentenza che evocano la mancanza di norme attributive del potere in materia di diritto d’autore dell’AGCOM.

La lettera si chiude con la richiesta di convocazione delle Parti interessate, al fine di trovare in una modalità condivisa e secondo i principi della autoregolamentazione, la migliore tutela dei contenuti sul web.

 

Qui di seguito il testo della lettera:

Ill.mo Presidente

Prof Angelo Marcello Cardani,

Autorità per le garanzie nelle Comunicazioni

Via Isonzo, 21 b

Roma

SEDE

 

 

Roma, 9 dicembre 2015

 

Oggetto  : Richiesta di convocazione delle Parti interessate ai fini di tutela del diritto d’autore, ed  istanza di sospensione del Regolamento.

 

Illustre Presidente,

Come le sarà certamente noto, la Corte Costituzionale, con sentenza 247 del 2015,  ha dichiarato l’inammissibilità delle questioni di costituzionalità prospettate dal TAR del Lazio in riferimento alle norme alla base del Regolamento sul diritto d’autore.

La sentenza di inammissibilità che ha riguardato profili   esclusivamente formali   legati all’Ordinanza di rimessione, ha però statuito anche nel merito delle norme attributive del potere della stessa Autorità per le garanzie nelle comunicazioni ad emettere il Regolamento in materia di diritto d’autore  ,e, di conseguenza a poter adottare provvedimenti precettivi, basati sullo stesso Regolamento.

In particolare la stessa Corte ha stabilito  che:  “4.1.– Occorre preliminarmente osservare che le disposizioni censurate non attribuiscono espressamente ad Agcom un potere regolamentare in materia di tutela del diritto d’autore sulle reti di comunicazione elettronica”.

Ed ancora: “A prescindere da ogni considerazione sulla accuratezza della ricostruzione del quadro normativo e della interpretazione datane dal rimettente, è evidente che nessuna delle disposizioni impugnate, in sé considerata, dispone specificamente l’attribuzione all’autorità di vigilanza di un potere regolamentare qual è quello esercitato con l’approvazione del regolamento impugnato nei due giudizi davanti al TAR. Esso è desunto dal giudice a quo, in forza di una lettura congiunta delle previsioni sopra esaminate, che non risulta coerentemente o comunque adeguatamente argomentata.”

Le affermazioni della Corte dovrebbero   offrire l’occasione per l’Autorità di approfondire le tematiche sottese al Regolamento sul diritto d’autore.

 

 

In particolare, la prosecuzione delle attività di inibizione e di rimozione, qualora non fosse sorretta da norme primarie come sembrerebbe evidente dai passaggi della sentenza citati,    potrebbe   generare danni ingiusti nei confronti dei Consumatori e delle imprese soggette al poteri di vigilanza da parte dell’Autorità.

 

 

Inoltre la continuazione  dell’attività sopradescritta appare in grado di  esporre  tutte le parti interessate, tra i quali vi sono gli Operatori che dovrebbero adempiere agli ordini  e la stessa Parte pubblica,  a rilevanti conseguenze risarcitorie ad opera degli interessati.

 

 

Per tali motivi le sottoscritte Associazioni si rivolgono ad Ella perché voglia convocare immediatamente le Parti interessate alle attività di tutela del diritto d’autore, al fine di stimolare,     nello spirito di autoregolamentazione e di leale collaborazione con i cittadini e le imprese, i migliori  strumenti di tutela dei contenuti su internet,  sospendendo del pari  con effetto immediato le attività di inibizione all’accesso e di richiesta di rimozione dei contenuti sulla rete.

 

Firmato

 

Renato Brunetti, Presidente AIIP- Associazione ITALIANA  internet Service Provider

Marco Pierani, Responsabile Relazioni esterne ed istituzionali  Altroconsumo

Giorgio Rapari, Presidente ASSINTEL-Confcommercio

Dino Bortolotto, Presidente ASSOPROVIDER-Confcommercio

Francesco Luongo, Vicepresidente Associazione Movimento di difesa del Cittadino

Antonio Diomede, Presidente REA-Radio Televisioni Europee Associate

 

Fulvio Sarzana

www.fulviosarzana.it
Studio Legale Roma Sarzana & Associati
Share Button

Written by - dicembre 9th, 2015 Commenti disabilitati