L’Avvocato Fulvio Sarzana alle Sezioni Unite dell’Arbitro Bancario Finanziario

Fulvio Sarzana alle Sezioni Unite dell’Arbitro Bancario Finanziario

Fulvio Sarzana, avvocato dello Studio legale di Roma Sarzana e Associati, e Professore straordinario nell’Università telematica internazionale Uninettuno, e’ stato nominato dalla Banca d’Italia componente del Collegio di coordinamento dell’Arbitro Bancario Finanziario (ABF).

Il Collegio di coordinamento e’ modellato secondo il sistema delle Sezioni Unite della Corte di Cassazione e  decide i ricorsi che riguardano questioni di particolare importanza o che hanno generato – o possono generare – orientamenti differenti tra i sette Collegi territoriali.

Stabilisce il principio di diritto che i Collegi territoriali sono tenuti a seguire per decidere futuri ricorsi sulla stessa questione. Se ritengono di discostarsi, i Collegi territoriali devono indicare espressamente i motivi del disallineamento.

Fulvio Sarzana alle Sezioni Unite dell’Arbitro Bancario Finanziario

 

Fulvio Sarzana

www.fulviosarzana.it
Studio Legale Roma Sarzana & Associati
Share Button

Written by - marzo 12th, 2018 Commenti disabilitati su L’Avvocato Fulvio Sarzana alle Sezioni Unite dell’Arbitro Bancario Finanziario

Utilizzare software senza licenza non è necessariamente pirateria

Una multa di 8 milioni sottolinea nuovamente l’importanza del software libero.

Abbiamo contattato telefonicamente Fulvio Sarzana, avvocato esperto di diritto dell’informazione e di copyright, che ha logicamente sottolineato che se si utilizza software senza licenza è inevitabile che ci si esponga alla richiesta di danni, ma in questo caso la cifra sembra veramente esorbitante.

La situazione, aggiunge inoltre Sarzana, non è semplice da interpretare: “ci sono vari casi, a volte ci sono licenze education, a volte ci sono licenze senza upgrade, non si tratta sempre di software senza licenza.” Non possiamo quindi essere certi di trovarci di fronte ad una violazione della legge.

La stessa legge — nello specifico l’articolo 171 bis — e la giurisprudenza in materia indicano come in realtà la persona fisica o il libero professionista non debbano sottostare alle norme sulla tutela del diritto d’autore quindi, spiega Sarzana, “solo se fai attività di carattere commerciale in senso lato saresti esposto a queste sanzioni.”

Le statistiche relative all’utilizzo dei software senza licenze vedono Cina e Stati Uniti rispettivamente al primo e secondo posto, ma si basano su dati forniti dalla Business Software Alliance (BSA), la stessa associazione internazionale che si occupa di promuovere il software proprietario dei propri membri. La BSA persegue la violazione del copyright sui software da parte delle aziende sfruttando anche la facilità con cui è possibile confrontare i dati relativi a chi è registrata una determinata licenza con le offerte di lavoro pubbliche — ad esempio gli annunci lavorativi di aziende che cercano esperti in software CAD.

segue su VICE  https://motherboard.vice.com/it/article/qvwepw/utilizzare-software-senza-licenza-non-e-necessariamente-pirateria

Fulvio Sarzana

www.fulviosarzana.it
Studio Legale Roma Sarzana & Associati
Share Button

Written by - gennaio 12th, 2018 Commenti disabilitati su Utilizzare software senza licenza non è necessariamente pirateria

Università Uninettuno: il programma del Corso del Prof Fulvio Sarzana

L’obiettivo del corso è quello di far conoscere le tematiche principali del diritto amministrativo digitale e i principali istituti.
I temi trattati saranno: le fonti, le istituzioni coinvolte nella regolamentazione del digitale, il sistema di identificazione elettronica del cittadino, i poteri dei cittadini attraverso gli strumenti digitali, la giustizia digitale, il trattamento dei dati personali nelle P.A., le centrali di acquisto nel settore pubblico, gli organi della Giustizia Amministrativa, anticorruzione, trasparenza e sito web P.A., Agenda Digitale, partecipazione elettronica dei cittadini al Governo della P.A., validità giuridica dei documenti informatici e delle firme elettroniche, il sistema documentale e procedimentale informatico, il software nella P.A., tecniche di normazione sui profili tecnici, la conservazione dei documenti nella P.A., Il digital divide e la connettività pubblica, Partnership pubblico-privata nel settore delle nuove tecnologie e la Tecniche di redazione di atti amministrativi in materia digitale.

 

http://www.uninettunouniversity.net/it/cyberspaziomateria.aspx?lf=it&courseid=4543&degree=240&planid=475&faculty=1

Fulvio Sarzana

www.fulviosarzana.it
Studio Legale Roma Sarzana & Associati
Share Button

Written by - settembre 9th, 2017 Commenti disabilitati su Università Uninettuno: il programma del Corso del Prof Fulvio Sarzana

La mail come prova di responsabilità del dipendente pubblico

 

La Cassazione, in materia di Reati informatici,  ha ritenuta valida la prova cartacea di una email, come documentata dalla polizia giudiziaria, anziché l’originale informatico, mai raccolto, ai fini dell’attribuzione di penale responsabilità.

Inoltre il Supremo Collegio ha anche stabilito che  la copia cartacea di una email, ancorchè non possa qualificarsi  tecnicamente come “corpo di reato”, ben possa costituire prova dell’esistenza dello stesso.

In una sentenza di fine agosto la Suprema Corte ha confermato la condanna per il  reato di falsificazione di comunicazioni telematiche di cui all’art.617 sexies cod.pen, a carico di un dirigente di un ente locale che aveva falsificato una ricevuta di conferma in occasione di un concorso pubblico, determinando così l’esclusione dalla gara di un  concorrente.

segue su https://www.lidis.it/valore-email-prova-della-responsabilita-penale-un-pubblico-dipendente

Fulvio Sarzana

www.fulviosarzana.it
Studio Legale Roma Sarzana & Associati
Share Button

Written by - settembre 6th, 2017 Commenti disabilitati su La mail come prova di responsabilità del dipendente pubblico

Associazione a delinquere su internet: la prima volta in materia di diritto d’autore e violazione di marchi d’impresa.

La procura della Repubblica di Cagliari ha notificato nei giorni scorsi  19 avvisi di chiusura indagine – a carico di altrettante persone fisiche-  per violazione delle legge sul diritto d’autore, associazione a delinquere e violazione penale delle norme sui marchi d’impresa.

Per la prima volta in Italia, a quanto consti, l’ufficio del pubblico Ministero ha ipotizzato in materia di diritto d’autore su internet  la fattispecie prevista dall’art 416 del codice penale

segue su https://www.lidis.it/associazione-delinquere-internet-la-volta-materia-diritto-dautore-violazione-marchi-dimpresa

Fulvio Sarzana

www.fulviosarzana.it
Studio Legale Roma Sarzana & Associati
Share Button

Written by - settembre 2nd, 2017 Commenti disabilitati su Associazione a delinquere su internet: la prima volta in materia di diritto d’autore e violazione di marchi d’impresa.

Fulvio Sarzana nominato Professore Straordinario nella Facoltà di Giurisprudenza dell’Università telematica internazionale UNINETTUNO.

Fulvio Sarzana di S.Ippolito, dello Studio legale di Roma Sarzana e Associati, dall’anno Accademico 2017/2018,   insegnerà come Professore Straordinario, raggruppamento disciplinare IUS/10 nella Facoltà di Giurisprudenza dell’Università Internazionale Telematica Uninettuno a Roma.

Il corso di laurea è Diritto dell’impresa, del lavoro e delle nuove tecnologie con indirizzo Diritto della società digitale.

http://www.uninettunouniversity.net/it/giurisprudenza-indirizzo-diritto-della-societa-digitale.aspx?faculty=1&degree=240&idindirizzo=56&mode=cs

 

Fulvio Sarzana

www.fulviosarzana.it
Studio Legale Roma Sarzana & Associati
Share Button

Written by - luglio 16th, 2017 Commenti disabilitati su Fulvio Sarzana nominato Professore Straordinario nella Facoltà di Giurisprudenza dell’Università telematica internazionale UNINETTUNO.

GIOVANNI FALCONE E PAOLO BORSELLINO. LE COSE NON DETTE E QUELLE NON FATTE

 

 falconesarzana

Carlo Sarzana di S. Ippolito

GIOVANNI FALCONE E PAOLO BORSELLINO.

LE COSE NON DETTE E QUELLE NON FATTE

 

Collana: RX – pp. 430 – Euro 22.00

 

23 MAGGIO, 25 ANNI DALLA STRAGE DI CAPACI

 

Ancora oggi, i misteri fondamentali che gravano sulle stragi di Capaci e via D’A­melio restano insoluti: chi erano le menti raffinatissime, i cervelli delle stragi, i pupari dei manovali del crimine? Perché in tempi così ridotti e con modalità così clamorose sono caduti, uno dopo l’altro, i due grandi nemici di Cosa Nostra?  Questo libro, frutto di anni di ricerca, costituisce il tentativo di tracciare una lista ragionata delle circostanze oscure dei due attentati, formulando, ove possibile, qualche ipotesi di spiegazione. Di fondamentale importanza le fonti utilizzate, documenti sinora non conosciuti o mai pubblicati, che rivelano un quadro di menzogne, reticenze, depistaggi, tra­dimenti, sparizioni di documenti, diffamazioni, infedeltà istituzionali gravissime e imperdonabili negligenze investigative.

 

La decisione di includere tanti documenti, soprattutto processuali, e di non romanzare gli eventi è stata presa per offrire ai lettori un pano­rama di fatti, probabilmente non conosciuti nella loro interezza se non dagli addetti ai lavori, e nell’intento parallelo di rinvigorire il ricordo di coloro che sono morti per noi. Mi ha guidato una frase di Mario Fran­cese, giornalista assassinato da Cosa Nostra:

«I fatti sono come domande, prima o poi vengono le risposte».

 

Carlo Sarzana di Sant’Ippolito

Presidente onorario aggiunto della Corte di cassazione, membro dell’Ufficio legi­slativo del Ministero della Giustizia, di cui ha diretto gli Uffici di studi e ricerche, Direzione generale II.PP. e AA.PP. Ha insegnato Sociologia del diritto all’Università Sapienza di Roma e in altre istituzioni, come la Scuola di alto perfezionamento per le Forze di Polizia. Negli ultimi anni si è occupato dei problemi giuridici relativi alla sicurezza delle nuove tecnologie. Nel 2002 è stato nominato componente del Comitato interministeriale per la sicurezza informatica e delle telecomunicazioni nella pubblica amministrazione. Nel 2003 ha ricevuto l’incarico di Consulente giuridico per la sicurezza del Cnipa.

 

«Si muore generalmente perché si è soli o perché si è entrati in un gioco troppo grande. Si muore spesso perché non si dispone delle necessarie alleanze, perché si è privi di sostegno. In Sicilia la mafia colpisce i servitori dello Stato che lo Stato non è riuscito a proteggere»

Giovanni Falcone

Fulvio Sarzana

www.fulviosarzana.it
Studio Legale Roma Sarzana & Associati
Share Button

Written by - maggio 4th, 2017 Commenti disabilitati su GIOVANNI FALCONE E PAOLO BORSELLINO. LE COSE NON DETTE E QUELLE NON FATTE