Libertà di stampa e di espressione: il Tribunale della libertà di Belluno, presieduto dal Presidente del Tribunale, dichiara illegittimo il sequestro preventivo del sito Vajont.info e il blocco all’accesso per gli utenti italiani a carico dei provider italiani per “eccessività contenutistica” e dispone la cancellazione di una sola frase offensiva dell’On Maurizio Paniz

Il blocco degli accessi per gli utenti italiani adottato attraverso il   sequestro degli IP e dei DNS a carico dei provider italiani, in caso di presunta diffamazione, deve ritenersi eccessivo rispetto al bene giuridico da tutelare.

 Il sequestro di un sito web deve cadere solo su una o più frasi offensive e solo  nel  caso in cui le  frasi  non siano  state nel frattempo cancellate ( cosa che nel frattempo era già stata fatta dal titolare del sito, come certificato dal fax inviato ai provider dalla polizia postale il 9 marzo stesso ndr).

 E’ quanto ha stabilito il 9 marzo scorso il Tribunale della Libertà di Belluno,  presieduto dal Presidente del Tribunale di Belluno Sergio Trentanovi (  giudici a latere Antonella Coniglio e Elisabetta Scolozzi).

 Il sito Vajont.info, eccettuata dunque la frase ironica su Scilipoti e Paniz, su cui permane tuttora il sequestro e che però era già stata cancellata dal titolare del sito, deve quindi tornare nella sua interezza sul web.

 Il Tribunale del Riesame accoglie quindi il ricorso dei 200 Provider di Confcommercio facenti capo all’Associazione “Assoprovider”, proposto attraverso l’Avv. Fulvio Sarzana di S.Ippolito, che, da subito, avevano protestato per l’ampiezza della misura irrogata dal Giudice delle indagini preliminari di Belluno Sergio Giancotti.

I provider avevano lamentato i gravi rischi per i diritti costituzionali alla libera espressione ed al diritto all’informazione connessi all’esecuzione del provvedimento di quell’ampiezza.

Il legale aveva discusso la misura di fronte al Collegio presieduto dal Presidente del Tribunale il 9 marzo scorso.

Come si ricorderà il GIP aveva disposto il sequestro del sito Vajont.info  per una frase ritenuta offensiva nei confronti degli On Paniz e Scilipoti, rimettendone le modalità di esecuzione al Pubblico Ministero.

Il Pubblico Ministero Massimo De Bortoli  aveva ordinato  “ai fornitori di servizi internet operanti sul territorio dello stato italiano di inibire ai rispettivi utenti l’accesso all’indirizzo web www.vajont,info, ai relativi alias, ed ai nomi di dominio presenti e futuri rinvianti al sito medesimo, all’indirizzo IP statico che al momento dell’esecuzione del sequestro risulta associato al predetto nome di dominio ed ad ogni ulteriore indirizzo IP statico che sarà associato in futuro”  

Il Tribunale ha stabilito due principi:

1)       Il GIP avrebbe dovuto disporre  il sequestro solo della presunta frase diffamatoria e non dell’intero sito perché diversamente argomentando  si porrebbero delle gravi questioni relative alla tutela della libertà del pensiero, di libertà di espressione  e di stampa in quanto valori costituzionali protetti dall’art 21 della Costituzione.

2)      Il provvedimento di inibizione DNS e IP oggetto dell’ordine di esecuzione firmato dal pubblico ministero è eccessivo rispetto al fine da tutelare, ovvero l’onorabilità di qualsiasi individuo, nella fattispecie l’On Maurizio Paniz. In particolare il Tribunale ha affermato “ Le modalità di esecuzione rendono evidente, nei limiti del fumus richiesto dal sequestro, l’eccessività contenutistica del disposto sequestro preventivo in relazione al fine che doveva essere tutelato ( l’onorabilità dell’On Paniz), in riferimento alla frase di natura oggettivamente offensiva.

Il Tribunale ha quindi statuito che  “ l’ambito del sequestro preventivo deve considerarsi illegittimo nella sua attuale ampiezza”.

 Il tribunale del riesame ha quindi accolto il ricorso dei Provider mantenendo i il sequestro  preventivo solo sulla frase ritenuta offensiva, riducendo quindi l’ampiezza e revocando implicitamente  tutti gli altri elementi del provvedimento originario, ovvero il sequestro dell’intero sito e l’ordine di inibizione a carico dei provider.

 

 Post scriptum:  nei giorni scorsi si era sparsa la notizia che il sito Vajont.info sarebbe già stato dissequestrato dal procuratore della Repubblica di Udine a seguito di una condanna per diffamazione nei confronti dell’On Paniz e ciò ha indotto in errore alcune testate che hanno pensato si trattasse del ricorso proposto da Assoprovider-Confcommercio.

Va chiarito che la vicenda di Udine riguardava  fatti accaduti diversi anni prima tra lo stesso titolare del sito e l’On Paniz, e che nulla avevano a che fare con il provvedimento di sequestro preventivo adottato dal Giudice di Belluno Aldo Giancotti il 31 gennaio 2012 e con l’ordine di inibizione agli utenti italiani dato ai provider il 16 febbraio di quest’anno e che gli stessi Provider avevano impugnato di fronte al Tribunale della libertà di Belluno.

 

Fulvio Sarzana

www.fulviosarzana.it
Studio Legale Roma Sarzana & Associati
Share Button

This post is also available in: Inglese

Tags: , , , , ,

This entry was posted on lunedì, marzo 12th, 2012 at 09:45 and is filed under Blog. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. You can leave a response, or trackback from your own site.

avatar
 
Loading Facebook Comments ...

Leave Reply

*
= 5 + 8

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.