Tagged Posts ‘Maroni’

wi fi: da un disegno di legge di abrogazione ad un decreto legge di proroga ed abrogazione

Dunque il decreto milleproroghe, presentato mercoledi dal Governo conterrebbe l’abrogazione dei commi 4 e 5 dell’art 7 della legge 155/2005, meglio nota come decreto pisanu, relativi all’identificazione certa di chi accede agli stessi internet point o ad un access point wi fi, mentre la stessa norma prorogherebbe i primi tre commi, relativi alla licenza da richiedere in questura, essenzialmente per gli internet point.

Cosi mi viene riferito da chi ha visto il Decreto.

La notizia è molto positiva ma lascia aperti alcuni dubbi. In particolare non si comprende il perchè il Governo abbia presentato in Senato dieci giorni prima un disegno di legge dall’identico contenuto della disposizione poi contenuta nel decreto legge milleproroghe.

Forse, semplicemente, il Governo ha cambiato idea visto che, sostengono i bene informati, sino al giorno prima nessuno era a conoscenza dell’intenzione governativa di inserire l’abrogazione nel decreto milleproroghe.

In ogni caso a partire dal 1 gennaio 2011, in caso di conversione del decreto legge dovrebbero essere eliminati gli obblighi di identificazione che tanto hanno fatto discutere

Non si comprende bene che fine farà il disegno di legge governativo frattanto presentato che forse finirà nel “corridoio dei passi perduti” o forse verrà utilizzato per apporre modifiche all’abrogazione realizzata con il decreto milleproroghe, per esempio per introdurre quelle modalità di identificazione “light” annunciate, poi smentite, poi ancora delineate.

In ogni caso e, fermo restando il plauso per il Ministro Maroni, che seppur molto confusamente, ha mantenuto le sue promesse, mi sembra questa una vicenda degna della definizione di uno statista che disse “Se vi piacciono le salsicce e le leggi non vi domandate come esse siano fatte”.

Fulvio Sarzana

www.fulviosarzana.it
Studio Legale Roma Sarzana & Associati
Share Button

Published by on dicembre 23rd, 2010 No Comments

Body scanner: un pericolo per la salute e la privacy o uno strumento necessario per i controlli antiterrorismo?.

 Ritornano in auge i famigerati Body scanner, ovvero gli strumenti ai raggi X utilizzati negli Aeroporti principalmente, che hanno generato  da sempre dubbi sulla violazione della privacy del passeggero e su potenziali rischi per la salute.

Ora l’Associazione dei Piloti Statunitensi  ha raccomandato a tutti i propri membri di rifiutare di sottoporsi ai body scanner presenti negli aeroporti, preferendo invece la perquisizione: il sindacato è preoccupato per la ripetuta esposizione ai raggi X che l’uso abituale dello scanner comporterebbe.

 Nel frattempo il blog statunitense  Gizmodo ha diffuso un video nel quale si vedono alcuni cittadini sottoposti ai Body Scanner,  all’ingresso dell’agenzia federale U.S. Marshals di Orlando in Florida,.

I dati sarebbero stati conservati da un funzionario pubblico e non si comprende bene come siano finiti in rete.

In Italia, come si sa i Body scanner non avrebbero dati i risultati sperati, eppure il Ministro Maroni non sarebbe intenzionato a pensionarli del tutto, ma a ad utilizzarli in modo selettivo, facendoci passare attraverso solo i presunti sospetti.
Staremo a vedere.

Fulvio Sarzana

www.fulviosarzana.it
Studio Legale Roma Sarzana & Associati
Share Button

Published by on novembre 17th, 2010 No Comments